Nerd

Yoda nerd

Un Nerd è una persona generalmente considerata intellettuale, ossessiva, introversa o con poche abilità nelle relazioni sociali. Lo stereotipo Nerd, insomma, è il ragazzo pallido, magrolino, occhialuto possibilmente non vestito alla moda e pieno di acne- in Italia li abbiamo sempre chiamati secchioni: ragazzi intelligenti, a volte al limite della genialità, che amano attività intellettuali e non si dedicano alle attività tipiche dei loro coetanei, né si vestono come loro.

Da qualche anno la parola ha assunto un’aurea più romantica: tutti i nostri device esistono e funzionano perché gruppi di Nerd, o singoli, preferivano inventare un linguaggio e programmare computer anziché uscire a ballare: i più famosi sono Steve Jobs e Steve Wozniak (Apple), Bill Gates (Microsoft), Linus Torvalds (Linux), Richard Stallmann (hacktivista, fondatore della Electronic Frontier Foundation e autore della licenza per il Free Software e l’Open Source), fino al più giovane Mark Zuckerberg (Facebook).

Quello che troviamo interessante, è il fatto che questo movimento mette in luce la forza dell’introspezione degli introversi: abbiamo sempre pensato, in educazione, che le abilità sociali siano fondamentali e molto ci si prodiga, con i bambini, perché le sviluppino. Questo “orgoglio nerd” ci mostra invece che le persone tendenzialmente introverse dirigono altrove le loro energie, verso lo studio e la creatività ad esempio, e questi esempi positivi possono essere un incoraggiamento per chi espansivo non è.

Susan Cain, autrice del libro “Il potere degli Introversi” mette in luce come nella nostra cultura essere introversi sia “qualcosa tra una delusione e una patologia”. Gli introversi devono nuotare controcorrente per essere se stessi. “Le nostre istituzioni più importanti”, afferma l’autrice, “le nostre scuole e i nostri luoghi di lavoro, sono progettate principalmente per estroversi e per il bisogno di stimoli degli estroversi”. Mentre la società avrebbe tanto bisogno di leader calmi, che sappiano riflettere bene prima di aprire la bocca.

Se conosci qualcuno di molto introverso e vuoi capire meglio cosa pensa questa autrice, guarda il video!

Fonti:

 

Lascia un commento


Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi contrassegnati da * sono obbligatori.